24/04/17

Lupin III - La Donna chiamata Fujiko Mine


Nel palinsesto televisivo della primavera del 2012 fece capolino una serie d'animazione tanto inaspettata quanto potenzialmente interessante intitolata "Lupin III - La Donna chiamata Fujiko Mine", miccia che diede il via al rilancio degli ultimi anni della figura animata del ladro gentiluomo e originale reinterpretazione dell'universo nato dalla matita di Monkey Punch nel lontano 1967.

04/04/17

Recensione - Spirit Circle di Satoshi Mizukami

Satoshi Mizukami è un mangaka di cui si parla poco, ma quando se ne parla lo si fa sempre con toni entusiastici. Questo perché nelle sue opere ha saputo fondere una disarmante semplicità a trame appassionanti e, soprattutto, personaggi molto umani in cui è facile immedesimarsi. Spirit Circle, la sua opera più recente, non sfugge a questa formula vincente e racconta una storia dall'intenso carico emotivo e parecchi spunti interessanti, tutto in 6 volumetti editi da Flashbook in un'ottima edizione da 5,90 € l'uno.

10/01/17

Blogletter #4: The party is over

BLOGLETTER #4

Finite le vacanze, riprendo la Blogletter sperando di tornare alla regolarità con cui l'avevo iniziata. Sono in tregua dalle lezioni universitarie per un altro mese ancora, quindi cerco di godermi il più possibile il tempo a mia disposizione anche se lo spettro degli esami continua ad aleggiare sulla mia testa. 

30/12/16

Il primo volume di Nekogahara, il nuovo manga di Hiroyuki Takei


Uscito ad Ottobre in inglese per la divisione americana della Kodansha, non potevo esimermi dall'acquistare il primo volume di Nekogahara, il nuovo manga di Hiroyuki Takei, autore di uno dei miei fumetti preferiti di sempre: Shaman King.

19/12/16

Blogletter #3: A Christmas Letter

BLOGLETTER #3

Il clima natalizio è ormai nell'aria, ho rivisto un amico che non vedevo da tempo e sono ricominciate le classiche partite a carte serali. Sono uscito vivo da una settimana infernale tra malattia ed esami e direi che me la sto spassando. Negli ultimi due giorni ho letto parecchio, guardato Netflix parecchio, dormito parecchio. Questo è il vero significato del Natale: la pacchia!

12/12/16

Blogletter #2: Dalla Morte

BLOGLETTER #2

Scrivo questa Blogletter quando in realtà avrei molte altre cose da fare, soprattutto studiare. La verità è che le cose che non mi sento obbligato a fare sono le prime cose che faccio quando ci sono cose che dovrei fare assolutamente. Ieri mattina ho aperto gli occhi che erano le quattro ed ero andato a dormire solo alle due. Causa del mio poco piacevole risveglio anticipato è un virus intestinale che ha deciso di regalarmi una lavanda gastrica naturale oltre ad un paio di giorni a letto con la febbre. Più una rottura che qualcosa di preoccupante, ma sono già abbastanza in forma da poter stare un po' al PC a scrivere questa cosa.

06/12/16

Blogletter #01: Incastrato da un britannico

BLOGLETTER #01

Immaginate, sono nella mia Mini Grigia da vero Working Class Man (cosa che io non sono) bloccato in un traffico che scorre lento mentre nella mia testa si alternano pensieri e la musica che sto ascoltando, Shine on you Crazy Diamond (6-9). L'unica cosa che vorrei fare è tornare a casa e continuare la lettura del Transmetropolitan di Warren Ellis da cui l'avevo interrotta. Quel fumetto è una bomba assurda, riesce a trasmetterti l'incredibile voglia di scrivere che hanno il protagonista e il suo sceneggiatore. Penso che ultimamente scrivo molto poco, anestetizzato come sono dall'abitudine e, soprattutto, scusante dell' ""essere stanco"". Penso che ci vorrebbe qualcosa di facile e veloce da scrivere, giusto per scrivere, e penso alla newsletter di Warren Ellis (Orbital Operations, iscrivetevi subito). L'idea è di scrivere una cosa simile, ovvero un piccolo agglomerato dei miei pensieri, delle mie piccole scoperte, letture, visioni e altro. La verità è che avevo iniziato a trattare questo blog come una cosa troppo formale, come fosse una testata giornalistica. Allontanato sempre più dall'essere un mio "diario", Terre Illustrate si è sempre più impantanato in questa situazione, scontrandosi con la dura realtà dei fatti: non è una testata giornalistica, non c'è una redazione dietro, ci sono solo io che scrivo ad una manciata di lettori. Quindi eccoci qui con questa prima Blogletter, chiamata così semplicemente perché postata su un blog e non inviata via e-mail. Gli altri articoli continueranno ad esserci, non è un sostituto al resto ma un'aggiunta. Periodicità? Non lo so, ne riparliamo con la seconda (forse).
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...