03/03/16

Dylan Dog 354 - Miseria e Crudeltà


Il numero 354 di Dylan Dog è l'ennesimo numero dall'ottima partenza che si sgonfia clamorosamente quando tenta di dare un senso alla situazione iniziale.



Simeoni dà vita ad una serie di omicidi molto fantasiosi e terrificanti che coinvolgono i senzatetto per le strade di Londra e mette, ovviamente, l'Indagatore dell'Incubo sulle tracce dell'assassino. Liberandosi con un trucchetto del peso dell'ispettore Carpenter, inutile zavorra alle storie, affianca a Dylan l'amichevole Rania. In pratica, han pensionato Bloch per sostituirci un personaggio che gli sceneggiatori non usano perché scomodo e un altro che svolge le stesse funzioni di Bloch per il protagonista a Scotland Yard con l'unica aggiunta della tensione erotica tra i due.

La storia in sé si dipana in modo interessante per la prima quarantina di pagine, che si occupa di presentare il giallo e ad accennare alcuni temi come l'odio razziale e la passione per la violenza che ci si aspetta vengano trattati nella seconda parte. Quest'ultimi invece vengono dribblati alla grande vanificando qualsiasi pontificazione fatta nell'editoriale di Recchioni.


Allo stesso modo, la storia si sgonfia nella seconda metà tra forzature e villain dalla completa mancanza di spessore (anche per il fatto che, come già detto, i temi accennati vengono completamente sorvolando tarpando le ali a qualsiasi motivazione possa spingerlo). A questo si aggiunge la povertà del giallo proposto, che si compone di un solo possibile sospettato che si rivela ovviamente l'assassino. Praticamente è un cruciverba già riempito.

Devo però ammettere che si lascia leggere con tranquillità, i dialoghi di Simeoni sono molto leggeri e i disegni di Tanzillo sono fantastici. Con questo tratto a metà tra il dettagliato sottile e la pennellata veloce, Tanzillo crea delle tavole veramente d'effetto caratterizzate da continui campi-controcampi e primi piani in cui ritrae personaggi dai volti fortemente caratterizzanti e belli. Spero di rivederlo presto sulla testata perché è un disegnatore eccellente e quel che c'è di buono in questo albo è completamente merito suo.


Fatemi sapere se avete letto l'albo e se la pensate come me nei commenti. Se l'articolo vi è piaciuto e vorreste continuare a seguirmi, potete farlo facilmente mettendo Mi Piace alla Pagina FB del mio blog. Grazie della lettura e alla prossima!

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...