28/07/15

Recensione - Moon Knight: Dalla Morte di Warren Ellis e Declan Shalvey


Con il solito ritardo tremendo che mi caratterizza, ho recuperato il volume del rilancio di Moon Knight operato da Warren Ellis e Declan Shalvey. "Dalla Morte" è il primo importante tassello di un tentativo più che riuscito di rivitalizzare il personaggio "Dalla Morte" editoriale. Infatti, dopo il tentativo, riuscito dal punto di vista qualitativo ma non dal punto di vista dell'accoglienza, operato da Bendis e Maleev, non era stato provato più niente di interessante con il personaggio.

Finché Occhio di Falco, Fraction e Aja non hanno dimostrato che con i personaggi delle "retrovie" Marvel è possibile realizzare grandi cose perché più liberi dal punto di vista creativo. Ecco quindi un fioccare di serie dedicate ai personaggi di "Serie B", ecco quindi la nuova testata di Moon Knight!


L'idea alla base della serie è semplice, stagioni di 6 numeri (quindi grandi quanto un volume singolo) in cui un team di autori ci regala il suo esperimento su Moon Knight, dopo questi 6 numeri si cambiano autori e storie. Ad aprire le danze i mai troppo elogiati Warren Ellis e Declan Shalvey, e non potevamo chiedere di meglio!

La suddivisione in "stagioni" richiama molto, ovviamente, alle serie TV. Richiamo ancora più accentuato dall'inserimento, in ogni capitolo, di una pagina che fa quasi da "sigla" all'episodio, come quella qui a sinistra, e la decisione, solo per questa prima stagione, di realizzare solamente episodi autoconclusivi. Dal punto di vista della trama, quindi, le vicende qui raccontate sono ampiamente "user-friendly" per chi non ha mai letto nulla del personaggio. Le pochissime cose da sapere sono raccontate nelle prime due pagine: lette quelle, sapete tutto!

Le 6 vicende raccontate in questo volume, infatti, si aprono e si chiudono nell'arco di una ventina di pagine, senza toccare complesse trame ma concentrandosi su storie piuttosto lineari e semplici. La bellezza di questo volume sta infatti nell'incredibile storytelling attraverso cui è narrato, frutto di grande maestranza del medium ma soprattutto di una forte alchimia tra sceneggiatore e disegnatore.

Discutendo con amici di questo volume, mi è capitato di additarlo come "Fumetto per quelli a cui piacciono i fumetti". Che di primo acchito potrebbe sembrare che non significhi niente, è invece una definizione in cui credo fortemente. È un fumetto caratterizzato infatti da una pura arte sequenziale, in cui le brillanti, seppur semplici, sceneggiature di Warren Ellis danno vita a scene d'azione magistralmente disegnate da Declan Shalvey. Le sequenze sono cinematografiche, con grandi "coreografie", inquadrature dinamiche e un ritmo che coinvolge tanto da far sembrare che le pagine si sfoglino da sole. L'apice lo raggiunge sicuramente nel capitolo 5, una lunga sequenza d'azione come se ne vedono raramente nei fumetti.

La bellezza di Moon Knight non si esaurisce nelle fantastiche scene d'azione, ma continua nella costruzione particolare di molte tavole, nelle soluzioni innovative e affascinanti per raccontare cose "semplici" (mi riferisco in particolare a quella del secondo episodio) e nella caratterizzazione visiva di Moon Knight. In merito a quest'ultima, ho apprezzato il modo con cui Shalvey abbia differenziato visivamente i vari costumi del bianco protagonista non solo concentrandosi sul design ma anche sulle movenze del personaggio. Per cui, l'eleganza e la compostezza che caratterizzano il completo non le ritroviamo nella spacconaggine del costume/armatura, stessa storia per il costume classico che porta il personaggio a movimenti più "slanciati."

Questo volume è dunque una perla che tutti gli appassionati di fumetti nella sua forma più pura non dovrebbero farsi scappare, una bellissima cavalcata nel mondo di Moon Knight in cui vengono sintetizzati tutti gli elementi che sono l'essenza del personaggio reinventandoli allo stesso tempo. Consigliatissimo.

Se il post vi è piaciuto, fatemelo sapere nei commenti e, se non l'avete ancora fatto, mette Mi Piace alla pagina Facebook del blog. Inoltre, se il volume vi è piaciuto potete acquistarlo ad un ottimo prezzo scontato su Amazon nella fantastica edizione cartonata Panini Comics. Alla prossima!

3 commenti:

  1. Primo numero stupendo, trame e illustrazioni si mescolano come il miglior queso su una quesadilla.
    Ma il secondo volume affonda pesantemente non sulle illustrazioni ma su una storia pessima e mal sviluppata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ancora devo prenderlo il secondo volume, mi era stato detto che non era ai livelli del primo ma non mi avevano detto di un affossamento così pesante! Valuterò personalmente e tornerò a parlarne :D

      Elimina
  2. ""Fumetto per quelli a cui piacciono i fumetti". Che di primo acchito potrebbe sembrare che non significhi niente, è invece una definizione in cui credo fortemente."

    Ci credo fortemente anch'io! E anzi, a chi - sotto sotto - NON piacciono i fumetti, potrebbe tranquillamente leggere ALTRO.
    ...mi fermo qui sennò entro in una polemica (non con te!) da cui non se ne esce più :-D
    Tornando a bomba: Moon Knight è un personaggio che non è mai riuscito a convincermi, anzi a conquistarmi, sebbene l'idea di base (copiata un pochettino ^___^ da Batman forse?) non sia male.
    Onestamente, non so se darò una chance a questo volume... ma leggo sempre molto volentieri le tue recensioni :)
    A presto.
    Orlando

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...