24/09/13

Cose a caso - Dexter, da impeccabile serie drammatica a surreale serie comica


IL SEGUENTE ARTICOLO NON CONTIENE SPOILER CHE POSSONO ROVINARE LA VISIONE DELLA SERIE, ANZI È INDIRIZZATO ANCHE A CHI HA INTENZIONE DI GUARDARLA.

Tonight's the night. And it's going to happen again and again. It has to happen.

Circa 8 anni fa si affacciava nella televisione americana Dexter, serial che decreterà la fortuna dell'emittente Showtime. Il perché di questo successo è presto detto: prendendo i capi saldi delle più blasonate serie crime, il telefilm, ispirato ai racconti di Jeff Lindsay, mescolava sapientemente il giallo con l'introspezione psicologica di un atipico personaggio.
Mettendo in scena un magistrale Michael C. Hall, il serial acquista subito consensi da parte del pubblico che raramente aveva conosciuto un personaggio come quello di Dexter. Il giovane rosso di bell'aspetto è un tecnico forense della Omicidi di Miami specializzato nelle macchie di sangue, un responsabile fratello per l'agente Debra Morgan ed un amorevole fidanzato per Rita. È un uomo solare, cordiale con tutti ed un instancabile lavoratore. Tutto bello e tranquillo se non fosse che tutto quello che vi ho descritto è una maschera.

I love Halloween. The one time of year when everyone wears a mask … not just me.

Dietro la maschera di Dexter Morgan si cela un mostro privo di emozioni ed empatia, che finge ogni singola emozione. Orfano di entrambi i genitori, Dexter è stato adottato in tenera età dal poliziotto Harry che ben presto ha scoperto la vera natura del figlio. Il ragazzo infatti dimostrava un unico desiderio: quello di uccidere. Compresa l'impossibilità di trattenere questo impulso, Harry decide di istruire il figlio dandogli un regolamento, "Il Codice di Harry". Una serie di regole che Dexter deve seguire in modo ferreo affinché non venga catturato e possa uccidere gli assassini sfuggiti alla legge. Insomma, il serial killer dei killer.

Harry was a great cop here in Miami. He taught me how to think like one; he taught me how to cover my tracks. I'm a very neat monster.



La prima stagione di Dexter si fa quindi largo tra le altre serie TV spiccando grazie ad una caratterizzazione sublime del protagonista e ad una sceneggiatura ben architettata che incalza lo spettatore fino ad un finale ricco di colpi di scena., inaugurando così una formula, quella del villain della stagione, che sarà il perno della maggior parte della produzione. Michael C. Hall è semplicemente perfetto, riesce a trasmettere con naturalezza la differenza tra il mostro e la maschera ed è un perfetto narratore. La serie è piena di monologhi che, riflettendo il vero pensiero di Dexter, sono interpretati in modo magistrale e portano avanti una sublime caratterizzazione che potrebbe reggere da sola lo show. Perché in fondo il punto di forza di Dexter è.. Dexter.

I just know there's something dark in me. I hide it. Certainly don't talk about it. But it's there. Always. This … Dark Passenger. How when he's driving, I feel … alive. Half-sick with the thrill, complete wrongness. I don't fight him. I don't want to. He's all I've got.


La brillantezza nella partenza di Dexter verrà riconfermata nelle tre stagioni seguenti dove, nonostante alcuni cali evidenti (soprattutto nella terza), ci si troverà di fronte ad un'ottima serie che saprà appassionarvi e tenervi incollati allo schermo. Ma allora qual è la ragione del titolo dell'articolo?


La struttura delle stagioni semi-autoconclusive risulta azzeccata solo agli inizi ma ben presto inizia a mostrare il fianco. Lo show di stagione in stagione sembra cambiare spesso sceneggiatori ed un team creativo che faccia da collante risulta assente. La tendenza generale presa dalla serie a partire dalla seconda stagione, salvo alcune eccezioni (anche grosse), è del dare spesso un finale che resetti la situazione in modo da ristabilire lo status quo in preparazione per la caccia all'uomo della stagione successiva. Questa formula riesce quindi a corrodere lentamente il serial, che sembra non avere una direzione precisa ma delle semplici linee guida per il finale. Risultato di tutto ciò è una continua paura nel rischiare, che porterà spesso a delle soluzioni ortodosse e forzate per risolvere la situazione di turno.

I can kill a man, dismember his body, and be home in time for Letterman. But knowing what to say when my girlfriend's feeling insecure … I'm totally lost.

L'essenza di Dexter è Dexter, l'ho già detto. Questo serial è praticamente un One Man Show, la stragrande maggioranza degli altri personaggi è composta da macchiette e quei pochi che vengono approfonditi hanno una storyline utile solamente a riempire i momenti di vuoto e che non aggiungono assolutamente nulla alla trama. Le serie così non possono durare troppo, altrimenti si scade nello "già visto" e nella noia totale. Peccato che Dexter ne duri 8 di stagioni.


Insomma, questi elementi, uniti ad una scarsità di idee che avanza, hanno decretato il declino. Con il passare delle stagioni Dexter è diventato forzato, prevedibile ed inconcludente. Ma perché "Surreale Serie Comica"? Tutto per colpa della dell'ottava stagione. Mai  si era visto un livello così basso di sceneggiatura che descrive situazioni improbabili ed evoluzioni caratteriali incongruenti con quanto fatto precedentemente. Una gestione pessima sfociata in un finale carino sulla carta ma disgustoso, ed a tratti trash, nella realizzazione.

Insomma, Dexter è una parabola discendente che meritava una fine molto migliore. Il mio consiglio è quello di guardare solamente le prime 4 stagioni e di fermarsi lì, perché meritano veramente tanto. Poi, continuate a vostro rischio e pericolo.

Spero che l'articolo vi sia piaciuto. Fatemi sapere cosa ne pensate dell'argomento nei commenti e, come sempre, vi ricordo di mettere Mi Piace alla Pagina Facebook del blog!

3 commenti:

  1. Ecco, io sono rimasto alla quarta stagione (e la terza l'avevo zompata dopo due-tre puntate). Come faccio in genere, aspettavo si concludesse la quinta stagione per recuperarla...ma tutti dicevano che faceva schifo.
    E allora ho aspettato per la sesta: ma tutti dicevano che era peggio della quinta.

    Allora mi sono detto: "Ok, attendo la settima e mi sparo tutto assieme".
    Ma la settima era peggio di quinta e sesta assieme, a detta di chi le aveva viste.

    Per l'ottava, dicono - e tu confermi - abbiano fatto scempio totale.
    Insomma, m'è passata la voglia di vedere Dexter.
    Quattro anni fa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La settima ha un accenno di villain carismatico rimosso brutalmente dallo show come se fosse una semplice comparsa. Per il resto si, hai visto tutto quel che Dexter aveva da offrire.

      Elimina
  2. giardatevi (in originale, of course) Hannibal (ma prima leggetevi i libri) e scorderete le (dis)avventure di Dexter da metà saga in poi.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...