29/06/13

Ultime visioni - L'Uomo d'Acciaio Inox vs Generale Zoom

Christopher Reeve veglia su di me

Tecnicamente la rubrica doveva essere ogni due settimane, lo so. Però, ho deciso di fare questo articolo a soli 7 giorni dall'ultimo per fare in modo che ci sia un'alternanza tra le settimane in cui c'è la rubrica sulle "Ultime Letture Fumettistiche" e quelle in cui c'è questa sulle "Ultime Visioni".
Oggi parliamo di un film che molti attendevano. Io no. Io l'ho visto solo perché cerco di vedere tutti i cinecomics possibili. Man of Steel, il reboot del supereroe più famoso del mondo.
Quando dissero che ci sarebbe stato Snyder alla regia spensi il cervello. Perché quello gli adattamenti non li sa fare. Snyder è lo stesso tipo che è riuscito a rendere figo Watchmen. E WATCHMEN NON DEVE ESSERE FIGO. Se mi rendi Watchmen figo, significa che non c'hai capito un cazzo di quello che stai facendo. Ed infatti è così, Snyder non aveva capito un cazzo. La cosa divertente è che, essendo una Graphic Novel, hai praticamente una sceneggiatura da cui partire perfetta. Eppure lui è riuscito a rovinarlo... e per questo non verrà mai perdonato. Ora, se non è riuscito a fare un adattamento decente con una sceneggiatura praticamente già scritta, come pensiate che sia uscito questo suo nuovo adattamento di un personaggio con alle spalle quasi 100 anni di storie? Ecco, appunto.
Man of Steel, diciamolo subito senza fronzoli, è fallace. In tanto, in troppo. Partendo dalle sceneggiatura fino alla regia. 
Parlando di quest'ultima, mi sono fatte grosse risate precedute da vari facepalm, per una certa fissa con il far traballare la telecamera. Ma perché poi? Hai il morbo di Parkinson? Erano finiti i soldi del budget e quindi hai girato con l'iPhone?
Ci sono intere scene in cui la telecamera non sta ferma un attimo. Una cosa è usare questa tecnica per accentuare alcuni momenti più concitati, un'altra è usarla per qualunque inquadratura.

Qui il cameraman si esibisce in un fantastico Tip Tap

Altra vittima delle mie derisioni è l'utilizzo continuo degli zoom durante le scene aeree, roba che tuo Zio quando fa le riprese alle comunioni ne usa di meno. 

Snyder: "Hey amico, guarda quanto cazzo sono fighi i nostri aerei!!"

Il colpo finale lo assesta il montaggio, che saltava da una scena all'altra come se fosse tutto un'unica grande scena. Una scena prima Clark è lì, la scena dopo è in Antartide e quella dopo ancora è a fare la fila in pizzeria. I flashback che capisci che sono da quel che succede e non da filtri, soluzioni registiche o altro. E nonostante i salti della sceneggiatura, grazie al montaggio ti sembra che tra una scena e l'altra siano passati pochissimi secondi nell'economia del film. 

Qui il cameraman aveva fretta d'andare in bagno. 

Menzione d'onore per la regia dei combattimenti, veramente ben fatti e scorrevoli. C'è, però, da menzionare che Superman fa un po' troppo il caciarone, distruggendo un casino di case/stazioni di benzina/camion senza pensare che probabilmente avrà ucciso più gente di quella che ha salvato.

La sceneggiatura , nonostante ci siano varie forzature e alcuni buchi, non mi sento di bocciarla completamente, se non fosse che i personaggi sono piatti ed anche a tratti ridicoli. Partiamo dal protagonista: Superman, ovvero la passività fatta a persona. Clark Kent ci viene presentato come una specie di vagabondo che passa la vita a nascondersi perché il padre terrestre(Jonathan Kent, su cui tornerò più avanti) gli ha detto di farlo. Poi il padre kryptoniano gli dice di essere una speranza e lui di punto in bianco diventa un supereroe. Così, senza alcuna maturazione ne scelta personale. Lo fa perché gli viene detto, #perchési, senza ricevere alcun insegnamento o morale. 

Il vero Superman cinematografico annega il suo dolore nell'alcol dopo essersi visto in #MehOfSteel

Ed a proposito di morale ed insegnamenti, vorrei seriamente far notare quanto il personaggio di Jonathan Kent sia ridicolo. Qui concedetemi alcuni spoiler leggeri. C'è questo flashback in cui Clark salva tutta la sua classe che si trovava a bordo dell'autobus della scuola finito in un fiume e destinato ad affondare. Il padre, vecchio mattacchione, lo rimprovererà per averli salvati, perché non si deve assolutamentissimamente scoprire che c'ha i superpoteri, che poi la gente è razzista. Allora il nostro Superbambino gli chiede "Cosa avrei dovuto fare? Lasciarli morire?" e Jonathan rincara la dose con un bel "Forse si". Forse si? FORSE SI? FORSE SI!? FORSE SI!?!? Non credevo che nel Kansas girasse così tanta metanfetamina. Ma aspettate, la fiera del coglione non finisce qua. In un flashback seguente la nostra famigliola felice si ritrova, assieme ad un sacco di altra gente, prossima ad un ciclone pronto a farli volare via tutti. Il nostro amichevole padre di quartiere dice al figlio di andare a ripararsi con la madre e lui rimane lì ad aiutare le altre persone. Cioè, tuo figlio è fatto d'acciaio (lo dice anche il titolo) e ti metti in pericolo di proposito quando potrebbe aiutarle lui quelle persone? Alla fine, per una serie di sfortunati eventi, si ritrova con la morte in faccia. Clark fa segno per raggiungerlo, ma lui lo ferma, sorride e muore. Forse da piccolo aveva l'insegnante di sostegno. Forse in quei campi coltivava soprattutto Maria. Non lo so. Fatto sta che si becca il titolo di "Worst Dad/Death Ever"

Buono il personaggio di Jor-El, con un Russel Crowe in buona forma (fino a quando non inizia a fare il vigile, chi ha visto il film ha capito a cosa mi riferisco), grosso Meh invece per i cattivi. Nessuno di loro ha una caratterizzazione che vada oltre il "So cattivo e c'ho rabbia". Generale Zod in primis che, nonostante l'ottima prova di Michael Shannon, non si distingue nel grosso pantheon dei cattivoni dei film. Gli altri personaggi non meritano menzioni, nessuno si è distinto per qualcosa tranne che per la sua inutilità (giornalisti del Daily Planet, sto guardando voi!)

Insomma, grosso buco nell'acqua per il reboot di Superman. Confidiamo nel sequel? No. Ma lo guarderò comunque. #masochismo

Voto: 6,5

1 commento:

  1. Così impari a non seguire i miei consigli giorni PRIMA di andare al cinema...La prossima volta portati un boccione di alcool, magari non noterai le inquadrature FIGHE di Snyder.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...