24/08/12

Ma Eiichiro Oda come diamine ce la fa?

C'è un dilemma che mi assale da molto tempo, precisamente da quando ho iniziato a tentare di scrivere qualcosina, ed è: ma Eiichiro Oda come diamine ce la fa? Sto parlando dell'autore di One Piece che dal lontano 4 Agosto 1997 pubblica su Shonen Jumps uno dei migliori Shonen di sempre SETTIMANALMENTE.


Sono ben 15 anni che One Piece va avanti e il manga non sembra dare alcun segno di cedimento. Trovo che pubblicare per Shonen Jumps un bel manga e farlo durare tutto questo tempo sia un'impresa da eroi. Le scadenze settimanali sono molto serrata, ed anche se ogni tanto si prende una (meritata) pausa resta un'impresa titanica! Perchè un conto è pubblicare un manga con uno sfracello di alti e bassi (o di solo bassi) ma che commercialmente riesce a tirare avanti e un altro conto è fare in modo che la propria storia resti di alta qualità con il passare del tempo. Mi riferisco ad autori come Hiro Mashima, che si trova al suo quarto manga e di tutti millemila capitoli che ha pubblicato se ne salveranno si e no 5, o Tite Kubo, che con il suo Bleach ha esaurito le idee con il giro di una ventina di volumi e va avanti per inerzia, ma soprattutto di autori come Masashi Kishimoto e Akira Toriyama che hanno rovinato completamente le loro opere con l'allungare della storia per più tempo del necessario. Invece One Piece è sempre lì, con una storia che continua a reggere dopo 677 capitoli mantenendo la sua freschezza. La saga dell'Isola degli Uomini Pesce è stata pesante, è vero. Ma non puoi trattare un tema importante come quello del Razzismo senza spiegare le sue origini, radicate nella paura che hanno gli umani(e gli uomini pesce) nello sconosciuto, nel diverso. Ora invece siamo finalmente nel Nuovo Mondo, stiamo vivendo una delle saghe più frenetiche dell'opera intera e pian piano Oda ci sta svelando importantissimi dettagli su cosa è successo nei 2 anni di allenamento dei Mugiwara. L'unica cosa che dobbiamo sperare è che One Piece continui così, con la sua qualità sempre alta e che non si afflosci con il passare del tempo. Perchè dopo 67 volumi non potrei reggere un detoriamento del manga. Il mio cuore non ce la farebbe. Ti prego Oda.


Post veloce con qualche mio pensiero, spero che vi sia piaciuto!

3 commenti:

  1. Concordo parola per parola!!
    ODA E' UN GENIO,solo questo può spiegare tutto ciòXD!
    La saga degli uomini pesce è stata pesante,ma sai comincio a credere che un 90%sia anche dovuto al fatto che molti lo seguono in scan oltre che comprare i volumi quando escono,e aspettare 1 settimana per non avere significativi capitoli ma capitoli di spiegazioni necessarie ma un pò noiose è duroXD

    RispondiElimina
  2. In effetti me lo stavo chiedendo anch'io,a proposito continua così!

    RispondiElimina
  3. concordo pienamente su ciò ke dici riguardo qst stupendo manga...la vivacità e la singolarità di qst manga nn hanno eguali.Anch'io mi sono kiesto,dopo,però,solamente aver letto qst tuo post(xD) come faccia eichiiro oda a stare con i tempi con qst ritmi serrati...c vuole tanta fantasia e sicuramente un pizzico di predisposizione per riuscire in ciò ke oda sta continuando a fare ininterrottamente da 15 anni...complimenti all'autore del mio manga preferito!!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...